Modello ad Acqua


MODELLO AD ACQUA

modello ad acqua

Il modello ad acqua è composto dall’elemento di arredamento in alluminio e dal nucleo riscaldante con tubazioni in rame alettate in alluminio; è completo di curve di collegamento ed accessori in pvc per il completamento estetico.

È UN CALORE CHE SI MISURA A METRI…

trattandosi di un impianto di riscaldamento il sistema deve essere dimensionato in funzione del fabbisogno termico dei locali e della tabella dei rendimenti; il nucleo riscaldante infatti va installato nella quantità necessaria a soddisfare le dispersioni termiche mentre l’elemento di arredamento, per uniformità estetica, può essere esteso a tutte le pareti.

UNA SOLUZIONE INNOVATIVAMA SEMPLICE
Può funzionare con qualsiasi generatore termico (a gas, gasolio, termocamini, pompe di calore …) e può essere integrato con pannelli solari. Negli edifici nuovi e nelle ristrutturazioni, ove è possibile, si consiglia di prevedere una distribuzione con collettori valvolati per consentire una più efficace regolazione delle temperature per ambienti/zone e per garantire una buona taratura delle portate dei circuiti; ove non è possibile si consiglia di intercettare ogni singolo circuito installando nella zona retro battiscopa, all’interno di apposita scatola in pvc da incassare, valvola, detentore ed eventuale elettrovalvola.

Grande risparmio energetico
Grazie al basso contenuto d’acqua dell’impianto (0,29 lt/mt) ed alla particolare distribuzione del calore il sistema consente un notevole risparmio energetico (30-40%).

L’impiantista:
l’artista della posa
La posa è semplice e non richiede una particolare professionalità. La precisione e la cura sono doti che si sposano bene con il sistema Thermodul, l’impianto efficiente e di grande livello estetico.

TANTI MODI PER FUNZIONARE

Il sistema ha un’inerzia termica bassa e consente quindi dei tempi di messa a regime relativamente brevi; questo lo rende un sistema molto flessibile, il funzionamento infatti può essere gestito in on-off con semplice termostato/cronotermostato oppure “in continuo” con una centralina climatica c/sonda esterna che regola la temperatura di mandata in funzione della temperatura esterna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *